Focolaio Italia, cosa è successo nel viaggio tra Parma e Vilnius

Sull’Italia azzurra dunque si allungata un’ombra inquietante, quella dei contagi da coronavirus, che si sta riverberando sul campionato italiano, con riflessi anche in Francia e Germania. Dopo Bonucci e Verratti, già colpiti al loro rientro da Vilnius, ieri sono risultati positivi Florenzi e Grifo, oltre a Sirigu e Cragno, mentre a Torino, sponda bianconera, si sussurra di un caso “Di debole positività” e a Milano circolano indiscrezioni su un altro nome di peso coinvolto. Nel giro di una settimana insomma una quindicina di uomini della Nazionale sono stati aggrediti dal virus. Il presidente Gravina, negativo e in quarantena, ha annullato tutti i prossimi appuntamenti, seguendo con attenzione l’evolversi della situazione. Il timore diffuso che nelle prossime ore la situazione diventi ancora più “Rossa”, dato il maturare dei tempi tristemente canonici per l’emergere di una positività. Assistenti tecnici che prima si sono contagiati al loro interno, coinvolgendo poi Bonucci, per molti motivi l’elemento ad aver avuto più contatti con loro. Da escludere però che la bottiglia stappata dal capitano con i compagni per le sue 100 presenze azzurre, abbia potuto provocare alcunché.


Leggi l’articolo completo

Lascia un commento