In Amazon rispettiamo il diritto di ogni individuo ad esprimere la propria posizione e voglio ringraziare personalmente i colleghi e i dipendenti dei fornitori dei servizi di consegna che ogni giorno lavorano per assicurare che possiate ricevere i vostri ordini – dice la manager -. Offriamo test gratuiti e supporteremo in tutti i modi il piano di vaccinazione, appena sarà possibile, per far sì che ogni persona che frequenti i nostri siti venga adeguatamente assistita». Tornando alla filiera, le consegne non sono affidate solo ai 16.500 driver, ma in parte vengono affidate anche ai grandi corrieri che operano sul territorio nazionale dove Morini stima che vengano impiegate almeno altre mille persone. a monte di tutti questi lavoratori che rappresentano la parte finale della filiera che ci sono gli oltre 9.500 dipendenti diretti a tempo indeterminato. Tutto questo fa sì che per ogni lavoratore dipendente a tempo indeterminato ce ne siano almeno altri 3 che rientrano nella galassia di interinali e committenza. Sul limite delle 44 ore settimanali i sindacati vorrebbero aprire una discussione, ma questo apre un ragionamento che forse più sul piano nazionale che su quello di secondo livello. Da ultimo citiamo tutta la parte più propriamente economica che va dal premio di risultato fino al buono pasto e all’indennità Covid che «va negoziata.


Leggi l’articolo completo

Lascia un commento