Covid: ecco come il virus attacca i centri nervosi del respiro

Sono alcuni dei sintomi più frequenti e ormai noti del Covid-19, che attacca in primis i polmoni, ma non si ferma lì. Quello che non altrettanto noto che i problemi respiratori correlati al virus dipendono anche dall’attacco ai centri nervosi che nel cervello controllano il respiro. E’ quanto emerge da uno studio del Dipartimento di Scienze della salute dell’università Statale di Milano, Polo dell’ospedale San Paolo, pubblicato sul ”Journal of Neurology”. Lo studio apre nuovi scenari e dimostra che la punta dell’iceberg del Covid-19 a livello polmonare, ma si possono anche verificare “Danni neurologici correlati che nella fase acuta della malattia sono mascherati dal quadro polmonare e infettivo”, spiega Alberto Priori, direttore della Clinica neurologica della Statale. In particolare la ricerca dimostra che “Nei pazienti Covid-19 gravi, ricoverati in rianimazione e sottoposti a ventilazione meccanica, sono alterati i circuiti nervosi proprio nel tronco cerebrale dove si trovano anche i centri di controllo della respirazione”. “Nei primi pazienti Covid-19 ricoverati in rianimazione avevamo osservato clinicamente alterazioni respiratorie che non erano spiegate solo dalla compromissione degli scambi, ma che potevano originare da alterazioni neurologiche del tronco encefalico – sottolinea Davide Chiumello, direttore della Rianimazione all’ospedale San Paolo, fra gli autori dello studio -. L’osservazione con metodiche neurofisiologiche documenta e conferma l’ipotesi che l’alterazione respiratoria, pur essendo in gran parte determinata dalla polmonite, amplificata da effetti della malattia sul tronco encefalico”. Secondo Priori “Gli effetti neurologici dell’infezione hanno un decorso diverso nel tempo, forse più prolungato, che stiamo iniziando a studiare solo adesso”.


Leggi l’articolo completo

Lascia un commento